Luana D’Orazio, la 22enne morta sul lavoro a Prato

Luana D’Orazio, la 22enne morta sul lavoro a Prato è “rimasta impigliata nel rullo di un macchinario”.

Muore dopo essere stata trascinata negli ingranaggi di un macchinario: Luana aveva 22 anni e lascia un figlio di 5 anni.

È rimasta impigliata nel rullo del macchinario a cui stava lavorando, che l’ha trascinata uccidendola. Così è morta a 22 anni Luana D’Orazio, mamma di un bambino di 5 anni. Originaria di Pistoia, dove viveva con i genitori e il fratello, da circa un anno lavorava in un’azienda tessile del distretto di Prato, a Oste di Montemurlo. L’incidente è avvenuto nella mattina di lunedì 3 maggio, mentre la giovane stava lavorando all’orditoio, la macchina che permette di preparare la struttura verticale della tela che costituisce la trama del tessuto. Accanto a lei c’era un collega, girato di spalle: quando si è voltato ha visto quello che era successo, ma ha riferito di “non aver udito grida di aiuto”.  L’allarme è scattato subito, sul posto arrivati oltre ai vigili, carabinieri e sanitari, ma i soccorsi sono risultati vani. Intervenuti anche i tecnici della Asl Toscana centro: hanno posto sotto sequestro macchinario e circostante area per la verifica dei dispositivi di sicurezza. La magistratura ha disposto l’autopsia per accertare le cause della morte e si attendono gli esiti degli accertamenti sul posto. 

Questa tragedia ci ricorda Maria Elena Toppan, 39 anni, di Quaregna (Biella) lavoratrice di un’azienda tessile di Cerreto Castello che come la povera Luana è stata ghermita da un orditore ed è morta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.